L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

29^ Prova Gamba d'Oro 2005

Corri col Gruppo Abele

Montrigiasco (NO), 24/06/05

A cura di Pier Carlo Manni

 

Ancora un Ouyat davanti a tutti, ma stavolta è il fratello Said

Ormai i quotidiani, siano essi sportivi e non, escono spesso nelle edicole proponendo l'abbinamento con gadgets di varie genere. Tra i più diffusi, i libri. Avendo acquistato una copia di un romanzo abbinato al quotidiano torinese, ho trovato nella pagine iniziali de "L'anno dell'Indiano" di Ernesto Ferrero - scrittore nato a Torino nel 1938 - una frase particolare. In quest'opera l'autore narra della comparsa sul suolo italico, anno 1924, di un personaggio che sosteneva di chiamarsi Cervo Bianco e di essere un capotribù indiano venuto in Europa per sollecitare aiuti al suo popolo diseredato. Pur se nessuno l'aveva mai sentito nominare, tale era il suo carisma da conquistarsi per un'intera stagione rispettabilità e credibilità a tutti i livelli della società, collezionando inviti dai notabili ed invidie dal popolo, che lo portarono ad accumulare materialmente fondi su fondi per questa sua "nobile" causa. Spintosi però oltre, fino ad una passione scandalosa per una madre e una figlia dell'aristocrazia, il fantomatico Cervo Bianco vedrà il suo castello, costruito con tanta astuzia e fantasia, crollare portando alla luce una verità sconvolgente. La frase "incriminata" è quello che potremmo definire una summa della filosofia di vita di Cervo Bianco:"Se sai credere alla verità delle tue invenzioni, anche gli altri le crederanno vere".

 

LA CRONACA

Dovendo raccontare della ventinovesima prova della Gamba d'Oro di Montrigiasco, alla quale non ho partecipato, potrei quindi, seguendo questo spirito, segnalarvi attacchi e contrattacchi, arrivi in volata, arrivi in solitaria o quant'altro le corse podistiche possano riservare nel loro svolgimento. Meglio, pertanto, limitarsi a dire che, con 516 iscritti e sul medesimo percorso lungo il quale si sono svolte la serale della passata edizione e la prova dicembrina dell'Ammazzinverno, la gara è stata vinta da Said Ouyat. Il fratello minore di Salah ha preceduto Paolo Proserpio, Christian Mattachini, Fabio Gattoni e Claudio Pastore.

In campo femminile, entra nell'albo d'oro delle vincitrici Giovanna Mara. L'atleta di Busto Arsizio, residente durante il fine settimana nella stessa frazione aronese, si è aggiudicata la gara montrigiaschese davanti a Roberta Picozzi, Simonetta Montis, Elisa Sezzano e Gisella Campolo.

Se tra gli under 14 maschili del minigiro è ancora Michael Cusinato a vincere su Alex Cavigioli e Nicolò Franzoni, è stata Prisca Stefani ad essere classificata prima, con Federica Zerlia e Caori Zaccaria alle sue spalle. Fonti raccolte successivamente dicono che a tagliare prima il traguardo è stata Monica Mercatali, il cui arrivo deve probabilmente essere sfuggito. Pazienza, Monica: forse eri arrivata troppo veloce!