L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

18^ Prova Gamba d'Oro 2005

Camminata di Sopramonte

Prato Sesia (NO), 27/05/05

A cura di Pier Carlo Manni

 

Vincono i fratelli Ouyat: Salah primo e Said secondo - Cristina Clerici vince la gara femminile

Niente struzzi a Prato Sesia. Cosa c'entrano, direte voi, questi uccelli? Presto spiegato. Lungo il percorso che aveva caratterizzato precedenti edizioni della "Corsa di Sopramonte", nome datole dall'altura sulla quale sorgono i ruderi dell'omonimo Castello del XII secolo che domina il comune sesiano, dopo gli iniziali due chilometri in sterrato, i concorrenti uscivano alla frazione Baragiotta. Proprio pochi metri dopo aver svoltato a sinistra, fiancheggiavano un'azienda agrituristica al cui interno si trova un allevamento di quelli che con termine scientifico si chiamano Struthio camelus. Struzzo, per l'appunto. E passando di là, era facile vederne alcuni esemplari che, alteri ed eleganti nel loro portamento, scorrazzavano nei loro recinti. 

 

LA CRONACA

Per l'edizione 2005 di questa manifestazione, gli organizzatori hanno completamente abolito l'intero giro della frazione, escludendo altresì anche il breve strappo che raggiungeva la locale chiesetta. Giunti pertanto sulla strada asfaltata, i partecipanti sono ridiscesi a destra e sono rientrati subito verso Prato Sesia. Poco prima dell'ingresso in paese, si incontrava l'unico tratto, per così dire, inedito. La novità era dovuta solo al fatto che, dove prima si entrava su una strada sterrata che scendeva e attraversava la roggia, oggi si passa su di un breve pezzo della nuova circonvallazione. Minima pertanto questa variazione anche perchè, superato il ponticello sul medesimo corso d'acqua, si rientra sul sentiero erboso che entra nell'abitato per poi da lì iniziare il chilometro conclusivo.

Con l'eliminazione della Baragiotta, la corsa, che ha curiosamente totalizzato lo stesso numero, 540, di iscritti registratosi nella passata edizione, è indubbiamente diventata più veloce. Dopo il via, leggermente spostato in avanti, passata la seconda nuova rotonda, per motivi di sicurezza, si portava in testa il giovane Andrea Brumana per buona parte dello sterrato iniziale. In prossimità della deviazione, lo raggiungevano e poi superavano Said Ouyat e Davide Gambino, sui quali si portava poco più avanti Sergio Prolo. Con un passo veloce i tre allungavano ed, procedendo assieme, arrivavano all'ultimo chilometro per giocarsi il successo finale. Ma, modificando il famoso detto, tra i tre litiganti è il quarto che gode. Soprattutto se questo quarto risponde al nome di Salah Ouyat. Dopo essere rimasto alla finestra, viaggiando alle spalle dell'agguerrito terzetto, il marocchino rinveniva su di loro proprio nei cinquecento metri finali e, senza titubare, li superava per andare ancora una volta alla vittoriosa conclusione sul traguardo, posto all'interno del campo sportivo. La volata per il secondo posto tra i tre precedenti battistrada era appannaggio del fratello Said, che la otteneva precedendo Sergio Prolo e Davide Gaudino. In quinta posizione chiudeva Riccardo Andrian che, consciamente non in grado di sostenere le veloci cadenze dei primi, aveva preferito procedere al suo passo senza rischiare.

Troppo forte Cristina Clerici. Il passo della comasca è stato fuori dalla portata delle avversarie e le ha così permesso di imporsi con un netto vantaggio su di loro. Doveva pertanto accontentarsi, si fa per dire, della seconda posizione Roberta Picozzi che, con questo, raggiunge la parità di risultati con quattro primi e quattro secondi posti nelle ultime otto prove. Messasi in mostra con il quarto posto della serale di Bagnella, Claudia Marchesini si migliorava qui con il terzo posto, da lei ottenuto dopo aver prevalso sulla sempre combattiva Simonetta Montis al termine di un'avvincente e combattuta volata finale. Toccava poi a Gabriella Barrari, valsesiana di Varallo, farsi conoscere in questa edizione della Gamba d'Oro grazie al suo quinto posto finale.

Era ancora Michael Cusinato ad imporsi nel minigiro under 14 maschile. Ripetendo il successo ottenuto la sera prima a Maggiate Superiore, precedeva Alex Cavigioli, Daniele Asietti, Matteo Brumana e Riccardo Pagani. Prima vittoria, tra le ragazze, per Alice Sogni. Un simpatico "peperino" che, dopo una serie di piazzamenti, davvero si meritava questa affermazione. La neo vincitrice precedeva Beatrice Locatelli e Stefania Gramoni. Quinto posto per Martina Boca preceduta però da Cristina Sogni, che altri non è se non la sorella di Alice.