L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

Camminata di chiusura Gamba d’Oro 2004

San Maurizio d’Op., 24/10/04

A cura di Pier Carlo Manni

La Gamba d’Oro chiude i battenti e l’ultimo sigillo è ancora di Ouyat

Terminate con quella di Coimo di domenica 10 u.s. le prove valide per il conteggio delle presenze valide per ottenere il riconoscimento personale di fine stagione, la Gamba d'Oro ha visto il suo atto conclusivo con la Camminata di Chiusura a San Maurizio d'Opaglio.

440 gli iscritti totalizzati per una prova che presentava un percorso di sei chilometri, ridotto rispetto ai tradizionali tracciati domenicali. Ribadendo il dominio dimostrato nelle gare del calendario, Salah Ouyat ha voluto apporre il suo segno di vittoria anche su questa kermesse finale. Ancora una volta, come già avvenuto nelle precedenti gare di San Maurizio d'Opaglio e Maggiate Superiore, ha dovuto concludere al secondo posto il bravo Alessandro Soldà che, con Emanuele Neve, giunto terzo, ha tenuto testa al marocchino di Soriso fino all'ultimo chilometro.

In campo femminile, la varesina di Sesto Calende Giulia Basoli ha preceduto la corregionale vergiatese Adele Montonati grazie ad un decisivo allungo effettuato poco prima del traguardo, dopo che le due avevano fatto gara appaiata. Si rivede, con il terzo posto, la novarese Mara Dellaveccchia.

Conclusa la gara, tradizionale cerimonia di premiazione per i circa 300, il numero definitivo non è stato comunicato, che hanno preso parte al numero minimo di gare, fissato in 30 per gli uomini, 28 per le donne e 20 per i nati dal 1990 in poi. Tutti indomiti protagonisti, più o meno noti, che hanno voluto dedicare festività e serali infrasettimanali a questa loro passione sportiva e che, da sempre, formano il nucleo più importante delle camminate amatoriali, pur rimanendo lontano dalle luci della ribalta. Posto che viene solitamente riservato, trattandosi di sport, ai vincitori assoluti di giornata.

E, nell'ambito delle cinquanta prove previste dall'edizione appena conclusa, cui vanno aggiunte le tre maratonine di Mercurago, Cressa e Gravellona Toce, protagonista assoluto in campo maschile è stato proprio Salah Ouyat: ben ventisei i suoi successi cui va aggiunto anche un primo ex-aequo nella maratonina di Cressa con Giovanni Bonelli, dichiarato vincitore dai giudici d'arrivo. Solo quattro, si fa per dire, le vittorie del borgomanerese Stefano Luciani, autore anche di numerosi altri piazzamenti. Altri tre protagonisti, con due successi a testa, sono stati Marco Tiozzo, Fabrizio Durando e Joel Limo. L'albo dei vincitori si completa con le singole affermazioni, in ordine di disputa gara, di Diego Scaffidi, Giuseppe Licandro, Ivan Volpone, Marco Maginzali, Pier Ugo Barricelli, Maurizio Schepis, Giovanni Bonelli, Davide Daccò, Said El Hasni, Said Ouyat (fratello minore di Salah), Silvio Gambetta, Mauro Uccelli, Mattia Scrimaglia, Marco Rainelli, Paul Langat e Ivan Margaroli e Enrico Barbazza, vincitori a pari merito a Coimo.

Pur mancando negli ultimi tre mesi, Mara Dellavecchia si riconferma prima per numero di vittorie in campo femminile, tagliano per tredici volte prima il traguardo. Seconda plurivincitrice, con otto, la romagnanese Monica Barricelli mentre sono state cinque le vittorie di Adele Montonati. Segue poi Cecilia Mora, tre volte prima, mentre due successi ciascuna hanno raccolto Emanuela Brizio, Alessandra Colautti, Tiziana Di Sessa, Roberta Picozzi, Laura Pagani e Simona Galli. Singole vincitrici di giornata sono poi risultate Patrizia Dorsi, Alice Di Simone, Stefania Cagnoli, Monica Bottinelli, Loretta Giarda, Giulia Basoli, Mara Drovanti, Giovanna Cerutti, Cristina Clerici, Miriam Borgini, Michela Beltrando e Cinzia Gallina.