L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

34ª Prova Gamba d’Oro 2004

Pieve Vergonte, 09/07/04

A cura di Pier Carlo Manni

Il diciassettene Mattia Scrimaglia alla sua prima vittoria in Gamba d’Oro

Buon sangue non mente. Questo il riscontro uscito dall'esito della "Camminata della Madonna della Crosa" di venerdì 9 luglio a Fomarco di Pieve Vergonte. A tagliare primo il traguardo di questa impegnativa gara è stato il giovane, quasi diciassettenne, Mattia Scrimaglia, figlio di Adriano Scrimaglia, grande protagonista della corsa in montagna e tutt'ora sulla breccia come testimonia il suo quarto posto finale.

Guadagnata la testa della corsa al termine della discesa iniziale che, dopo un primo giro sopra la zona di partenza, entrava nel cuore di Fomarco Alta, il giovane Scrimaglia ha affrontato l'impegnativo ritorno verso la Crosa con un breve vantaggio sui primi inseguitori. Pochi i secondi conquistati ma sufficienti per, dopo il tratto tra i boschi attraversato su di un sentiero stretto ed ostico per la presenza di molti sassi sporgenti, affrontare l'impegnativa salita finale che dalla località Casa del Conte lo avrebbe condotto alla vittoriosa conclusione, dopo aver superato punti di sensibile pendenza. Cinque i secondi inflitti da Scrimaglia al concittadino di Villadossola e compagno di squadra del G. S. Bognanco Roberto Pianzola, con un altro specialista di corsa in montagna, l'anzaschino di Bannio Anzino Enrico Zambonini, terzo a breve distanza. Dopo il ricordato quarto posto del padre del vincitore, Adriano Scrimaglia, era la volta di Stefano Cerlini a chiudere al quinto posto.

04BV (62).jpg (112025 byte)Dopo la prestigiosa vittoria nel Giro dei Parchi Nazionali, su questo terreno a lei ideale la stronese Giovanna Cerutti non ha fallito la prova, vincendo con un buon margine di sicurezza. La prestazione della radiologa dell'ospedale "Madonna del Popolo" di Omegna ha così impedito a Mara Drovanti di ottenere un prestigioso ed immediato bis. Un secondo posto comunque assai gratificante per la verbanese, brava a concludere quattro gare in sei giorni con due primi e due secondi posti. Una tenace Alice Di Simone chiudeva poi in terza posizione, seguita dalla verbanese Alessandra Betteo e da Elisa Brunet.