L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

montonati.jpg (64683 byte)28ª Prova Gamba d’Oro 2004

Brovello, 23/06/04

A cura di Pier Carlo Manni

Promossa anche la seconda infrasettimanale della Gamba d’Oro

Sono accorsi in 317 per festeggiare il ritorno di Brovello in Gamba d'Oro. Era datata 08/08/76 l'unica presenza del caratteristico paese del Vergante nel calendario di questa manifestazione, varata proprio in quel 1976. Ed anche allora, come oggi, la prova di Brovello era la numero ventotto.

Percorso interessante e vario quello preparato dagli organizzatori della locale Pro Loco per questa rentrée. Teatro della prima parte di gara un sentiero che, scorrendo tra i boschi sopra le rive del torrente Erno, si inerpicava  lungo il versante della Motta Rossa. Raggiunto dopo la partenza in leggera discesa che, attraversando l'iniziale ponte sull'Erno, passava sotto il viadotto autostradale e dal successivo centro ippico, questo tratto interamente in salita alternava passaggi scorrevoli ad altri più impegnativi. Infatti, in alcuni punti si dovevano affrontare anche le asperità di un fondo sassoso, le cui insidie erano maggiormente accentuate dall'umidità e dal leggero strato di muschio che lo ricopriva. Si sbucava poi sulla strada asfaltata che collega Carpugnino, l'altro centro che dà il nome completo al Comune, alla frazione lesiana di Comnago. E proprio verso Carpugnino si dirigevano i concorrenti, andando ad interessare questo nastro di asfalto, anch'esso tra i boschi, che, pur risultando più scorrevole, riservava loro un susseguirsi di brevi saliscendi. Pendenze non certo difficili che avevano il loro massimo dislivello proprio nella parte finale quando la strada raggiungeva il sottopassaggio autostradale. Un breve strappetto portava all'ingresso in Carpugnino, il cui attraversamento avveniva tra le vie interne del caratteristico borgo. Altra brevissima salitella e quindi, usciti dall'abitato, iniziavano i due chilometri finali. Passando nella pineta, si andava ad interessare un sentiero che, scorrendo alle spalle di Graglia, l'altra frazione del comune, si concludeva in località La Selva. Il successivo breve sentiero portava ad sbucare ancora sul ponte incontrato in partenza, da attravesare in senso opposto. Ultimi trecento metri in salita che si concludevano all'interno del Parco giochi, dove era posto il traguardo finale.

Lasciatosi alle spalle il tragitto da Vignale Monferrato alla sede di partenza, Silvio Gambetta si metteva dietro anche gli avversari, andando a conquistare la sua prima vittoria stagionale in Gamba d'Oro. In seconda posizione si classificava Davide Gaudino, già messosi in luce bella serale di Cameri. Seguivano poi il verbanese Carlo Carlini, Paolo Pollarolo e Valentino Tancini.

Ripetendo la prestazione di Santa Croce, Adele Montonati (nella foto durante la Cooperativamente insieme di Arona) dominava nettamente la gara femminile, lasciando le avversarie a notevole distanza. Davvero ottima la condizione della vergiatese, importante biglietto da visita per la seconda prova dei Campionati Italiani di Corsa in Montagna, che la vedrà al via il prossimo 18 luglio a Val di Dentro (So). Secondo posto per Cecilia Mora, vincitrice della corsa in salita Cannobio/Monte Giove di domenica 20 giugno. Ancora un buon piazzamento per Gisella Campolo con il terzo posto ottenuto precedendo a Paola Gentina e Paola Platè.

Ennesima doppietta dei fratelli Massimiliano e Federica Cerutti nel minigiro under 14.

Per tornare alla gara, molti apprezzamenti ha incontrato il percorso scelto. Sentito anche i pareri dei partecipanti, un consiglio ai locali organizzatori è quello di far terminare la gara passando all'interno del paese. Ciò permetterebbe di evitare il nuovo transito dal ponte sul torrente Erno, punto cruciale per il traffico automobilistico locale. Nel contempo, verrebbe così ridotto anche il chilometraggio, risultato più lungo rispetto ai tradizionali 6 km delle prove serali.