L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

04_DAGNENTE 019.jpg (88683 byte)6ª Prova Gamba d’Oro 2004

Dagnente, 12/04/04

A cura di Pier Carlo Manni

Servizio fotografico di Costantino Pagani

Diego Scaffidi si trova bene a Dagnente e vince ancora – Mara Dellavecchia la spunta dopo un’agguerrita sfida con Laura Pagani

Come recita un famoso detto popolare, non bisogna mai lasciarsi ingannare dalle apparenze. Caso altamente esplicativo la sesta prova della Gamba d'Oro. Per questo appuntamento era programmata una camminata per la giornata di Pasquetta nella frazione aronese che ha dato i natali allo scrittore e patriota Felice Cavallotti, il cui monumento funebre si innalza dominante nel locale cimitero. Giocando sul nome di questa frazione, la manifestazione è stata denominata "Camminata Da...gnente", il che può far pensare trattarsi di corsa non impegnativa. Ed infatti... così non è.

Il percorso preparato dagli organizzatori prevedeva, dopo il breve passaggio tra le caratteristiche viuzze del centro paese, subito la salita a sbalzi che, per mezzo di un sentiero, si inerpica verso il Motto Mirabello. Quasi al culmine dell'erta, si svoltava a sinistra per imboccare un altro sentiero che, 04_DAGNENTE 016.jpg (78950 byte)offrendo un poco di respiro, scendeva tra i boschi verso l'altra frazione aronese di Montrigiasco. Dopo aver superato anche alcuni tratti fangosi, dovuti alla presenza in questa zona di falde sorgive e maggiormente accentuati per la pioggia scesa il venerdì precedente, il sentiero terminava nei pressi del cimitero di quest'ultima località. Da qui, veniva imboccato il tratto in discesa che, passando anch'esso tra i boschi, terminava in località Incocco, nei pressi di Paruzzaro, dove sorge una chiesetta oggi sconsacrata. Breve tratto pianeggiante in direzione del ristoro, poi, girato il "Laghetto del Picchio", iniziava un'altra salita che, sempre tra i boschi, riportava a Montrigiasco. Attraversata la quale, con uno dei pochi tratti in asfalto previsti dalla corsa, si girava verso destra all'uscita dalle case per iniziare lo strappo verso il poggio che lì dietro si erge, da superarsi non prima di aver affrontato punti dalle pendenze molto ripide. Lasciatosi alla spalle questo passaggio, veniva imboccato un altro sentiero boschivo che, pur non privo di qualche salitella e di altri tratti fangosi, sbucava in località "Cassìn di Stevan" dove lo sguardo si apriva sull'ampia e verdeggiante zona collinare del Vergante ed il sottostante Lago Maggiore. Un paesaggio da cartolina illustrata che accompagnava nel chilometro finale i podisti, la fatica dei quali si concludeva nella zona Parco Giochi dopo un ulteriore passaggio tra le abitazioni del paesello.

Percorso, quindi, molto impegnativo ma davvero affascinante, come testimoniato anche dalla presenza al via di ben 542 partecipanti. E l'esito finale di questa corsa ha ripetuto il verdetto della prima prova dell'Ammazzinverno qui disputatasi il 26/10/2003, quasi sei mesi fa. Ad imporsi, oggi come allora, il giovanissimo cireggese Diego Scaffidi e la biondissima novarese Mara Dellavecchia.

Portatosi al comando con i migliori fin dalle prime rampe della salita iniziale, Scaffidi riusciva ad allungare assieme al marocchino Salah Argoub. I due, staccati gli altri, proseguivano insieme per la parte centrale ma, sull'ultima salita di Montrigiasco, era Scaffidi a prendere decisamente l'iniziativa e, metro su metro, accumulava un crescente vantaggio sul rivale. Questo gli permetteva così di affrontare con molta sicurezza la discesa finale e di04_DAGNENTE 061.jpg (56455 byte) concludere vittoriosamente la sua prova. Con questo successo, Scaffidi conferma di poter diventare più che una promessa, fornendo anche una dimostrazione di raggiunta maturità per la sua condotta di gara. Il cireggese si cimentava dopo molto tempo sulla media distanza e, pur portandosi al comando, ha affrontato la parte centrale con giudizio. Accortosi poi di averne ancora da spendere, è partito sulla salita più insidiosa e, a suo agio su questo terreno, ha staccato definitivamente il suo compagno d'avventura. Ed era proprio Salah Argoub, atleta ventiduenne residente a Laveno, a mantenere la seconda posizione ad un minuto di distanza, mentre era il besozzese Marco Tiozzo, l' ultimo ad arrendersi all'azione dei due, a terminare la sua fatica con il terzo posto, ripetendo lo stesso piazzamento da lui ottenuto domenica scorsa a Cambiasca. Buon quarto posto per lo stresiano Gianpaolo Ferrigato, sulla via di una ritrovata forma, che riusciva a tenersi dietro l'anzaschino di Bannio Anzino Enico Zambonini, giunto quinto.

04_DAGNENTE 088.jpg (66561 byte)Lotta a due anche in campo femminile. A contendersi la vittoria erano infatti Laura Pagani e Mara Dellavecchia. Una volta conquistata la testa della corsa, le due si erano alternate al comando tentando di staccarsi vicendevolmente. L'azione decisiva avveniva all'inizio della discesa finale dove Mara Dellavecchia si lanciava con furia e, facendo valere la sue maggiori leve, si liberava della scomoda presenza di Laura Pagani, che tentava comunque di non mollare. Nell'ultimo chilometro, il vantaggio accumulato dalla novarese risultava però decisivo e Mara Dellavecchia si aggiudicava la gara, bissando così il successo da lei ottenuto a Suno. Manteneva il secondo posto Laura Pagani mentre era la varesina Martina Zanzi a tagliare il traguardo in terza posizione. Ancora alla ribalta, con la sua quarta piazza, la feriolese Simona Galli che precedeva l'oleggese Gisella Campolo, così come avvenne nell'edizione dello scorso anno quando le due si piazzarono rispettivamente seconda e terza.

04_DAGNENTE 049.jpg (39575 byte)Ancora un successo per Manuele Zanone (non Zanoia come precedentemente comunicatoci) e Monica Gramoni nel minigiro. I due giovani dimostrano di non aver avversari e precedono ancora una volta tutti. In campo maschile, dietro il vincitore, troviamo ancora un bravissimo Alex Cavigioli che questa volta riesce a precedere Riccardo Pagani, terzo davanti a Fabrizio Torciere ed Andrea Cerri. Tra le ragazze, piazza d'onore per Monica Mercatali seguita poi dalle sorelle Beatrice ed Annalisa Locatelli, rispettivamente terza e quarta, e dalla sorella della vincitrice, Stefania Gramoni.

 
IL SERVIZIO FOTOGRAFICO
04_DAGNENTE 001 04_DAGNENTE 005 04_DAGNENTE 009A 04_DAGNENTE 013 04_DAGNENTE 016
04_DAGNENTE 017 04_DAGNENTE 018 04_DAGNENTE 019 04_DAGNENTE 021 04_DAGNENTE 022
04_DAGNENTE 024 04_DAGNENTE 025 04_DAGNENTE 026 04_DAGNENTE 027 04_DAGNENTE 028
04_DAGNENTE 035 04_DAGNENTE 036 04_DAGNENTE 037 04_DAGNENTE 039 04_DAGNENTE 040
04_DAGNENTE 041 04_DAGNENTE 042 04_DAGNENTE 045 04_DAGNENTE 046 04_DAGNENTE 048
04_DAGNENTE 049 04_DAGNENTE 050 04_DAGNENTE 051 04_DAGNENTE 052 04_DAGNENTE 053
04_DAGNENTE 054 04_DAGNENTE 055 04_DAGNENTE 058 04_DAGNENTE 061 04_DAGNENTE 062
04_DAGNENTE 063 04_DAGNENTE 064 04_DAGNENTE 065 04_DAGNENTE 066 04_DAGNENTE 068
04_DAGNENTE 069 04_DAGNENTE 070 04_DAGNENTE 071 04_DAGNENTE 072 04_DAGNENTE 073
04_DAGNENTE 075 04_DAGNENTE 076 04_DAGNENTE 077 04_DAGNENTE 078 04_DAGNENTE 079
04_DAGNENTE 080 04_DAGNENTE 081 04_DAGNENTE 082 04_DAGNENTE 083 04_DAGNENTE 084
04_DAGNENTE 085 04_DAGNENTE 086 04_DAGNENTE 087 04_DAGNENTE 088 04_DAGNENTE 089
04_DAGNENTE 091 04_DAGNENTE 092 04_DAGNENTE 093 04_DAGNENTE 094 04_DAGNENTE 095
04_DAGNENTE 096 04_DAGNENTE 097 04_DAGNENTE 099 04_DAGNENTE 100 04_DAGNENTE 101
04_DAGNENTE 102 04_DAGNENTE 103 04_DAGNENTE 105 04_DAGNENTE 106 04_DAGNENTE 107a
04_DAGNENTE 109 04_DAGNENTE 110 04_DAGNENTE 111 04_DAGNENTE 112 04_DAGNENTE 113
04_DAGNENTE 114 04_DAGNENTE 115 04_DAGNENTE 116 04_DAGNENTE 118 04_DAGNENTE 119
04_DAGNENTE 120 04_DAGNENTE 121 04_DAGNENTE 122 04_DAGNENTE 123 04_DAGNENTE 124
04_DAGNENTE 125 04_DAGNENTE 126 04_DAGNENTE 128 04_DAGNENTE 134 04_DAGNENTE 136
04_DAGNENTE 139 04_DAGNENTE 141 04_DAGNENTE 142 04_DAGNENTE 145 04_DAGNENTE 146
04_DAGNENTE 147 04_DAGNENTE 148