L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

Milano City Marathon '06

Comunicato stampa del 07/07/06

 

Milano City Marathon 06, domenica all'alba si certifica il nuovo percorso

Il tracciato riveduto della prova milanese, in calendario l'8 ottobre prossimo, sarà misurato meticolosamente da Jean-Marie Grall, per conto della Federazione Internazionale d'Atletica. Ci vorranno non meno di dieci ore Milano, nel senso del territorio urbano, si riappropria della sua Maratona: nonostante il felice esperimento 2005 in zona sud (Rozzano, Assago, Buccinasco), i consueti problemi di viabilità hanno suggerito di tornare all'antico, con una prospettiva di minore impatto sul traffico cittadino.

L'8 ottobre - la nuova data scelta dagli organizzatori del Consorzio Milano Marathon (lo compongono Rcs Sport e Rosa & Associati) - d'intesa con La Polizia Municipale di Milano e l'ATM (Azienda Trasporti Milanesi), Milano City Marathon si disputerà su un tracciato gradito a tutti, automobilisti inclusi. Almeno questo è l'augurio di tutti.

Domenica 9 luglio, a partire dall'alba, il nuovo percorso troverà la certificazione ufficiale di Jean-Marie Grall, primo misuratore dell'AIMS (Association of International Marathons and Road Race) cui la IAAF (International Association Athletics Federations, la federazione atletica internazionale) ha affidato questo ruolo delicato.

Vediamo di capire in che cosa consiste la misurazione ufficiale, che avrà inizio alle cinque di mattina nei pressi di Corso Venezia (incrocio via Senato/San Damiano) dove la Maratona prenderà il via e si concluderà dopo 10 ore. Il signor Grall, scortato dai vigili urbani, inizierà il minuzioso controllo a bordo di una speciale bicicletta (una bici FRW modello Monterey) munita di slick per ridurre l'attrito con l'asfalto. Analoghe biciclette saranno fornite al gruppo di lavoro che asseconda il misuratore. Preliminarmente sarà stata determinata una base di 500 metri misurati con nastro metallico omologato IAAF, con cui si tarerà l'apparecchio (contatore) fissato sul mozzo della ruota anteriore della bicicletta: Dopodiché si procederà alla misurazione. Per i cambiamenti di condizioni atmosferiche e di pressione delle gomme ogni ora Monsieur Grall sarà obbligato a tornare alla base per ritarare il dispositivo. Ogni 5 chilometri (e alla mezza maratona) il misuratore AIMS fisserà un chiodo in acciaio con inciso il chilometro e la sigla MCM06.

Il nuovo tracciato di Milano City Marathon prevede il via in corso Venezia, poco lontano da San Babila. Da lì in piazza della Repubblica e in viale Tunisia per poi imboccare Corso Buenos Aires e ritrovare Porta Venezia. Indi viale Majno e la circonvallazione interna (toccando tutte le porte di Milano) per arrivare in Corso Sempione. Di lì a destra in via Canova, poi intorno al Parco Sempione e al Castello Sforzesco per transitare davanti all'Arena Civica e rientrare da via Melzi d'Eril in Corso Sempione. Lo si percorre sino a via Poliziano, poi a destra verso via Cenisio, il Cimitero Monumentale, indi la stazione di Porta Garibaldi, viale Tunisia e di nuovo in Corso Buenos Aires verso Loreto. Si gira poi a destra in via Stradivari, verso piazza Piola e si percorrono tutti i viali (Campania, Piceno, Molise) sino a piazza Bologna. Poi Piazza Bonomelli, via Quaranta, Piazzale Agrippa, Piazzale Abbiategrasso e il Naviglio Pavese a destra sino a Viale Tibaldi. Da lì si percorre tutta la circovallazione mediana sino a viale Abruzzi da dove si svolta in Corso Buenos Aires per la direttissima verso il Duomo, luogo d'arrivo.

Il rinnovato percorso - destinato a permanere per molte edizioni a venire - mantiene le caratteristiche tecniche classiche di Milano City Marathon: piatto, veloce, scorrevole (non ci sono pavimentazioni sgradite ai maratoneti) utile a cogliere, per ogni atleta, la migliore prestazione personale sulla distanza.