L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e CuriositÓ

 

Samsung Milano City Marathon 05: risultato sorprendente

Comunicato stampa del 04/12/05

 

Samsung Milano City Marathon si chiude con un risultato sorprendente Ornelas, il portoghese che non t'aspetti In una giornata glaciale sorprende anche il nostro Battocletti, brillante terzo (nonostante i molti contrattempi), preceduto dal keniano Kirui. Pronostico rispettato tra le donne con la vittoria di Hellen Kimutai.

Con merito, ma non senza sorpresa, Samsung Milano City Marathon 05 si consegna a un portoghese debuttante - il 31 enne Helder Ornelas - che conduce una gara perfetta grazie ai suggerimenti del suo allenatore (anch'egli in gara, Antonio Souza, e quinto all'arrivo) che ne modera i ritmi sino al passaggio della mezza maratona. Ornelas transita un minuto dopo i primi e nessuno avrebbe scommesso un euro su di lui, tantomeno su di lui al vertice del podio. Il freddo invece gli risulta amico e gli consente una seconda metÓ gara strabiliante (sul passo di un'ora, 3 minuti e 54 secondi), nella quale inghiotte uno ad uno chi lo precede. Tra i primi si "beve" Giuliano Battocletti, intorno al 25░ chilometro, lui pure in rimonta efficace che lo porterÓ a salire sul podio come terzo classificato. Il keniano Kirui gli tiene testa per alcuni chilometri ma verso il 35░ chilometro l'azione del portoghese Ŕ devastante. Ornelas si isola e raggiunge il traguardo nell'ottimo tempo (vista la giornata) di 2 ore 9' 59", con ben 1' 29" su Kirui e 1' 59" su Battocletti. La tradizione dei neri a Milano sembrava incontrovertibile. Stavolta sul podio salgono due atleti di pelle chiara. Qualcosa evidentemente sta cambiando, perlomeno a fine stagione. Battocletti Ŕ stata, se possibile, una sorpresa ancor maggiore, dal momento che, per sua stessa ammissione, il 30 enne atleta di Cles (collaudato su tutte le distanze di mezzofondo e fondo in pista) avrebbe soltanto desiderato di ultimare la maratona di Milano. Finire terzo con un tempo assolutamente rispettabile Ŕ un esito considerevole viste le condizioni climatiche e soprattutto i disagi fisici che ha patito, con due stop per subbuglio intestinale e indurimento progressivo delle gambe a partire dal 20░ chilometro. Lo stesso problema che ne aveva causato il ritiro, un mese fa, a New York. Battocletti ha stretto i denti, confortato in questo da una telecamera Rai che non l'ha mai perso di vista ed Ŕ stata, a suo dire, molto calorosa. Non ha corso da solo, per intenderci. Il freddo l'ha fatta da padrone, soprattutto nel tratto dell'hinterland a sud di Milano, dove la situazione ambientale era spettrale, con paesaggio innevato, nebbia abbastanza fitta e temperatura quasi polare. Il gelo (-2 gradi) ha annichilito dapprima i muscoli e poi il morale dei keniani, che l'ordine d'arrivo annota nelle sole retrovie, salvo Kirui (secondo) e Rotich (quarto), quest'ultimo per la classe e la decisione di non sfigurare mai.

Tra le donne pronostico rispettato, con la keniana Kimutai che ha sbaragliato il campo involandosi appena dopo metÓ gara, quando si Ŕ resa conto che il ritmo imposto dalla lepri era (per lei) troppo blando. La Kimutai ha fatto rapidamente il vuoto e ha chiuso con 5' e 4" sulla messicana Angelica Sanchez, ottima prova la sua, e la neozelandese Rebecca Moore, venuta da molto lontano per salire sul podio.

RISULTATI - UOMINI - 1. Helder Ornelas (Por) 2.09.59; 2. Paul Kiprop Kirui (Ken) 2.11.28; 3. Giuliano Battocletti (Cover Mapei) 2.11.58; 4. Michael Rotich (Ken) 2.14.31; 5. Antonio Sousa (Por) 2.14.42; 6. Paulo Gomes (Por) 2.16.03; 7. Ribag Saaid (Mar) 2.16.26; 8. Medaska Bedade (Eth) 2.16.39; 9. Frederick Cherono (Ken) 2.17.52; 10. Albert Matebor 2.18.05;

DONNE 1. Hellen Kimutai (Ken) 2.28.48; 2. Angelica Sanchez (Mex) 2.33.52; 3. Rebecca Moore (NZL) 2.36.31; 4. Banuelia Mrashan (Eth) 2.38.50; 5. Merima Demboba (Eth) 2.43.43; 6. Delecha Bekele (Eth) 2.46.55; 7. Dorota Ustianowska (Pol) 2.47.33; 8. Anna Von Shcenck (Swe) 2.48.00; 9. Anna Binasi (Gre) 2.49.50; 10. Tiziana Morra (Ita) 2.52.55; DISABILI - 1. Marco Re Callegari (Polha Varese) 1.28.14; Paolo Cecchetto (Polha Varese) 1.28.15; 3. Ivan Ghironzi (Polha Varese) 1.38.12;