L'archivio storico di nuniez.it

Hit Counter

News & Comunicati
Servizi speciali
Gamba d'Oro
Ammazzinverno
Piede d'Oro
Vco in corsa
Circuito Running
Notizie dalla Fidal
Allenamento
Consigli e Curiosità

 

Ammazzinverno 04-05

11/10/04

A cura di Pier Carlo Manni

Il ventennale dell’Ammazzinverno

...E venti. Questa la cifra che, domenica 31 ottobre, 04_CORSA_DEL__CASTELLO_023.jpg (75373 byte)raggiungeranno le edizioni dell'Ammazzinverno con la prova di Dagnente. Quella stessa Dagnente da cui partì la prima edizione di questo calendario invernale di corse podistiche. Era il 24 novembre 1985 e nella ridente frazione collinare aronese furono in 115 a partecipare alla gara inaugurale. Primi vincitori, al termine di un tracciato impegnativo che comprendeva anche la salita a Montrigiasco, furono Pasquale Sapia e Katia Taraborelli (a sinistra la partenza della prova finale a Oleggio Castello).

Promotore dell'Ammazzinverno il G.S. Paruzzaro, gruppo nato appena tre anni prima, che si è preso cura di seguirne lo svolgimento per tutte le edizioni. "Era venuto a mancare - come racconta Gianni Gallio, da sempre presidente del G.S. Paruzzaro - il "Cimento Invernale", serie di prove organizzate dall'Atletica Omegna, che si disputavano nel Cusio e che avevano fino allora riempito il vuoto della pausa invernale tra la fine e l'inizio della Gamba d'Oro. Ascoltati anche i pareri di altri gruppi sportivi che, come noi, avevano preso parte all'ultima edizione, con i miei collaboratori formammo questa nuova rassegna podistica per, sportivamente parlando, ammazzare l'inverno".

INTRA_022.jpg (36225 byte)Avversario molto duro, il Vecchio Inverno, che subito fece valere la sua legge. "Avevamo preparato - continua Gallio - un calendario di sette gare da disputarsi in domeniche alternate. Dopo Dagnente, erano previste le tappe di Alpiolo di San Maurizio d'Opaglio (15/12), Borgomanero (22/12), Gozzano (12/01), Paruzzaro (26/01), Opagliolo di San Maurizio d'Opaglio (16/12) e Montrigiasco, gara finale disputata il 23/02/86. A saltare, complice neve e gelo, fu la gara di Gozzano che rimane, da allora, l'unica mai disputata in quanto anche la domenica successiva, nonostante il tentativo di recuperarla spostandola a Paruzzaro, le pessime condizioni del tempo portarono al suo definitivo annullamento. Un fatto analogo ha interessato anche la scorsa edizione. La fitta nevicata di domenica 28 dicembre 2003 impedì lo svolgimento della prevista prova di Oleggio Castello. Rimandata al successivo 6 gennaio 2004, data rimasta libera, incontrò fortunatamente una buona giornata che ne permise la regolare effettuazione" (a destra la prova di Intra 2004).

Partito in sordina, il calendario ha visto, anno dopo anno, aumentare il numero delle gare e, cosa più importante, dei partecipanti. Dalle sette programmate inizialmente si è, dall'undicesima edizione, arrivati alle venti gare, numero che, rispettando la pausa natalizia, rimane il massimo disponibile per le giornate festive del periodo fine ottobre/fine febbraio. Per quanto concerne la partecipazione, si è superata ormai la quota di settemila iscritti complessivi, con una media di presenze effettive arrivata a 327 concorrenti, record stabilito proprio nella passata edizione.

"La formula scelta per collegare le singole prove - è ancora Gallio a parlare - ha trovato il favore dei podisti. Lasciando ad ogni singola organizzazione libera scelta nelle premiazioni finali della propria camminata, unica eccezione la premiazione dei gruppi iscritti, si è pensato di creare una classifica riservata proprio alle sole società podistiche che, stilata volta per volta con l'attribuzione di un punto per ogni singolo rappresentante arrivato entro una determinata posizione, premiasse al termine di ogni calendario le meglio piazzate. Si è partiti con l'assegnazione di un punto per i primi 50 uomini e per le prime 10 donne. Oggi, aumentati nel corso degli anni i partecipanti, questo conteggio vede interessati i primi 165 uomini e le prime 35 donne".

Grande protagonista in questa particolare classifica il G.S. Gravellona Toce. Infatti, con la sola eccezione della quinta edizione (1989/90) conquistata dall'Amatori Verbania, i tocensi hanno fatto loro tutte le altre diciotto edizioni.

Passando ora alla prossima edizione, rimanendo invariato il punteggio valido per la classifica gruppi, le novità più importanti vengono dall'ingresso di nuove località come sedi di gara."Ogni anno,- precisa concludendo Gallio - il nostro gruppo valuta lo svolgimento delle gare della precedente edizione e poi contatta le singole società organizzatrici per il loro inserimento nel calendario successivo. Questa edizione del ventennale vedrà, a seguito della rinuncia di alcune organizzazioni e per scelta del gruppo stesso, l'inserimento delle nuove prove di Carcegna di Miasino (1/11), Nebbiuno (8/12) e Cavaglietto (6/01/05). Per Cressa e Cameri si tratta invece di uno spostamento logistico, voluto dalle proprie organizzazioni,delle gare di Barengo e Caltignaga. Invariata rimarrà la sede dell'ultima prova che, per il quinto anno consecutivo, si svolgerà all'interno del Castello Dal Pozzo, messo ancora una volta a disposizione con grande signorilità e partecipazione, dal Marchese Cassiano Dal Pozzo. Invariati rimangono anche, il chilometraggio massimo di sei chilometri e l'orario di partenza delle 9,30 per ogni gara, così come immutata resterà la relativa quota di iscrizione fissata in euro 1,20".

Ed allora, pronti e via. E che i venti possano soffiare positivamente.